feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
FAM, FÜM, FRECC

FAM, FÜM, FRECC

Il grande romanzo degli spazzacamini

Brossura editoriale con sovraccoperta rigida plastificata, pagine 80, formato cm 21x29,7

Quaderno numero 68

ISBN 978-88-8068-603-3
Disponibile anche in lingua tedesca

ristampa
 

Recensioni



Nel grande romanzo dell’emigrazione, per secoli risorsa primaria di tante vallate alpine, pagine molto dolorose sono state scritte dagli spazzacamini, il cui fenomeno ha caratterizzato le più povere di queste terre, dove la maggior parte delle famiglie, pur di togliere qualche bocca al misero desco quotidiano, si sono viste costrette, fino alle soglie degli anni Cinquanta, ad “affittare” nei mesi invernali, quando nei loro paesi fra i monti non esisteva la più piccola possibilità di lavoro, uno o più figli ai “padroni”. Questi, vecchi spazzacamini senza scrupoli, il più delle volte crudeli e inumani, induriti da analoghe esperienze, se li portavano al seguito per “la stagione alla Bassa”, nelle pianure nebbiose del Piemonte e della Lombardia, sottoponendoli a uno sfruttamento che non ha avuto uguali nel mondo del lavoro minorile delle nostre Alpi. Il bambino, data l’esile statura che gli consentiva di introdursi lungo i camini dove l’adulto non entrava, rappresentava la materia prima, la condizione sine qua non all’esercizio del mestiere. Quanti di questi poveri bocia hanno compiuto i sei, sette anni nell’inferno della caligine, tra vessazioni, patimenti, fame, fumo e freddo!
Quanti di essi non hanno fatto più ritorno alle loro montagne! La figura del bambino che col volto cosparso di fuliggine e gli attrezzi in spalla vaga lacero e affamato di paese in paese, di contrada in contrada, lanciando il grido: “spazzacaminooo”, mendicando un piatto di minestra e un tozzo di pane, è ormai retaggio dell’immaginario popolare, di una letteratura spesso troppo oleografica o superficiale, ma è soprattutto parte integrante della storia della Valle d’Aosta, della Val Cannobina, della Val Vigezzo, della Valle dell’Orco, della Val di Non, della Val Verzasca e delle Centovalli ticinesi, terre un tempo poverissime, dove il fenomeno assunse dimensioni di massa.
Questo quaderno ripercorre l’allucinante romanzo degli spazzacamini delle Alpi Occidentali, dalle prime emigrazioni del 1500 in terre straniere al grande esodo minorile nelle pianure del Nord Italia di fine Ottocento e primi decenni del Novecento, attraverso documenti, interviste e testimonianze che hanno richiesto all’autore anni di appassionate ricerche.

INDICE

RÜSCA, BURNA E RAMONEURS
Le zone coinvolte
La carne si vedeva una volta all’anno
Per “far l’erba” rischiavano la vita
Abitavamo in case tutte nere
I primi spazzacamini, aree di lavoro

I PROTAGONISTI
Erano i più piccoli i più richiesti
Primi colpevoli i genitori
Uno sfruttamento minorile senza eguali
Il padrone Tafiöl, Cap-gâillo, farmant
Gli “indipendenti” o “ambulanti”
Il corredo del piccolo spazzacamino
Il vestiario dell’adulto
Gli attrezzi e il gergo

FAM, FÜM, FRECC
Non vidi più nulla
Ciò che è su è su, ciò che è giù è giù
Cilindro o prete?
Un coltello contro i briganti
Terrore delle auto
Non avevo più un padre
Siete qua, anime benedette
Il respiro si congelava sui baffi
Sono andato a cercar su

PADRONI DISUMANI
Vita da schiavi
Senza cibo per non ingrassare
La situazione non è cambiata
Il terrore di essere abbandonati
Disunione di categoria

OPERE ASSISTENZIALI E ISTRUZIONE
La Società di patronato
Tentativi di mutuo soccorso
L’esplosivo memoriale di Giovan Battista Pidò
La Società di Patrocinio di Torino
L’Opera Pia
Il pranzo di Natale

POLITICA E COOPERATIVISMO
Spazzacamini, organizzatevi!
La redenzione è in voi stessi
Il dito nella piaga
Parole tante…
Il Consorzio Imprese di Pulizia

MALATTIE, DISGRAZIE, EVOLUZIONE DEL MESTIERE
Il giovanotto è bell’e guarito!
Morire di fatica
La caligine della legna non faceva male
Del piccolo Amabile tornò al paese solo la foto
Tanti morti sulla strada
I Tondù di Lionza
È finita la cuccagna!
Come rondine vo
Gli spazzacamini del 2000
Il terrore del passato
Un raduno per ricordare

LETTERE, CURIOSITÀ, ANEDDOTI
Quando la lontananza uccide
Pane con terra, paglia e sassi
Gli altri spazzacamini mi portarono via il lavoro
Lei è grande, non solo di statura
Il piccolo rüsca che salvò il re di Francia
Inseguiti dai carabinieri
Portafortuna
Quanto a donne… così così
L’inventore del calorifero
Asterischi
Il chierico che “oscurò” Giuseppe Verdi

COSA RIMANE

BIBLIOGRAFIA

 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits

base_url: https://priulieverlucca.it/© 2020 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy