feed rss Feed RSS     Newsletter Newsletter
 
 
 
Erbario di Trento

Erbario di Trento

Il manoscritto 1591 conservato al Castello del Buonconsiglio di Trento

Brossura editoriale, 254 pagine, formato 22x30 cm

ISBN 978-88-8068-601-9
Disponibile

 


Commentario realizzato dallo studioso architetto Michelangelo Lupo, in occasione della pubblicazione in facsimile autentico da parte di Priuli & Verlucca – in occasione dei suoi quarant’anni di attività – del famoso Erbario di Trento (Ms. 1591 Castello del Buonconsiglio, Trento). Oltre alla riproduzione in bianco e nero di tutti i fogli del manoscritto, contiene un approfondito studio comparativo degli erbari coevi più noti.

Il prezioso codice è conservato nel Castello del Buonconsiglio ed è stato composto da artisti di bottega veneta nell’ultimo quarto del XV secolo. Un’opera in cui si sposano felicemente la finalità scientifica e la riuscita artistica, risultando allora per botanici e medici strumento di lavoro, per i malati almeno speranza di guarigione, oggi per noi offerta di conoscenza della vita reale di quel tempo in cui si integravano gli apporti culturali più diversi, greci, latini, arabi e cristiani. È coinvolgente e suggestivo osservare dall’interno un mondo lontano in parte scomparso (alcune piante non esistono più), in parte mai esistito (vegetali e animali fantastici), in parte tuttora attuale nella medicina alternativa. Ammiriamo le rappresentazioni di note piante disegnate e colorate ad acquarello, le bizzarre formule magiche, cabale, citazioni evangeliche, preghiere, tra piante e animali i cui nomi sono talvolta inventati con etimologie assurde e ingenue. Ne riportiamo sia un’esperienza culturale originale e rara, sia un godimento estetico contemporaneamente misterioso e chiaro. Nella prima parte sono affascinanti le variazioni di tonalità cromatiche aranciate-marrone e verdi, ovviamente dominanti in un erbario, evidenti dimostrazioni degli interessi coloristici di quell’area veneta che si è sempre espressa per vie di colore e a distanza di secoli ancora si esprimerà a livelli sublimi. La seconda parte, il « Thesaurus », ha forma elegante, sia nella scrittura gotica minuscola italiana di unico amanuense, sia nelle iniziali finemente decorate con immagini fito-antropomorfe in rosso, azzurro e giallo. L’opera è accompagnata da un volume di commentario sopra esposto.

 

 

 
Desideri essere aggiornato sulle nostre novità editoriali?

feed rss Iscriviti al feed RSS
Newsletter Iscriviti alla Newsletter
Questo sito rispetta gli standard di accessibilità
stabiliti dal consorzio internazionale W3C
XHTML Valido
CSS Valido
Credits
© 2021 Priuli & Verlucca, editori
Scarmagno (TO)
P.Iva e Codice Fiscale: 00870160017
realizzato da Bielleweb
Dati fiscali societari
Privacy
Cookie Policy